Ambient on/off

Sign up

 

Continue

Continue By creating an account you agree to the Terms of Service & Privacy Policy

[eC] - Lunghe riflessioni

Day 1,926, 13:39 Published in Italy Pakistan by Stedee
Premessa. Questo articolo è composto da miei giudizi. Siete liberi di trovarli di vostro gusto o meno. E' anche un WOT lungo, non piacerà. Siete altrettanto liberi di non leggerlo.

Cos'è eItaly oggi?
Potrete anche rispondere: Stato composto da tre regioni, attualmente in EDEN, e simili. Potremmo disquisire a lungo sulla nostra debolezza militare, sulle cause profonde e su quelle occasionali.

Ma in realtà, eItaly non è uno Stato - è una Comunità, a rischio di far suonare quest'affermazione come banale e scontata. Sin dall'origine della storia gli uomini si sono associati in comunità, per difendersi meglio. eRepublik replica in un certo senso questo modello, formando dei centri d'aggregazione nei quali i giocatori devono convenire, per poter esercitare effettivamente un potere e sfruttare le potenzialità del gioco. Creare un partito, una MU, un giornale, candidarsi, combattere, sono azioni che per quanto possano essere efficaci nel caso singolo presuppongono l'esistenza d'una comunità dietro che sostenga e sviluppi quelle strutture. Per diventare Presidente bisogna convincere la gente a votare la propria idea, esattamente come bisogna convincere la gente ad entrare nel proprio gruppo militare per poter esercitare un'effettiva influenza e vincere una battaglia.

Escludo il modulo economico, dopo le recenti innovazioni è solo un ausilio alla MU. Quasi un ostacolo di carattere organizzativo al sorgere spontaneo di troppi gruppi militari, per la tendenza di ognuno di noi a primeggiare. Per favorire l'integrazione in una comunità è necessario che ve ne siano poche rispetto al numero totale di giocatori. Ecco dunque spiegato il modulo economico d'oggi, composto da poche tipologie di aziende, che per essere redditizie sono molto costose ed accessibili solo a chi fa investimenti con soldi RL, ed a pochi altri (giocatori arricchitisi quando il gioco lo consentiva, ad esempio).

La Comunità suprema, secondo le intenzioni del gioco, è lo Stato - al benessere del quale cooperano tutte le forze, siano esse militari, politiche, propagandistiche. Un'idea di indubbia efficacia dal punto di vista della possibilità d'attrazione di nuovi iscritti - permettendo di convogliare le tensioni nazionaliste dei Paesi in un gioco, alimentato così da passioni di RL. La possibilità di fondare partiti politici aggiunge spessore a quest'idea; sebbene nella pratica di gioco un'ideologia di RL non sia applicabile, è un ottimo specchietto per attrarre nuovi giocatori (per usare un esempio vicino, ci sono stati - nel passato - messaggi di propaganda di alcuni partiti eitaliani che invitavano ad unirsi ad eRepublik per combattere la "feccia fascista").

Siamo giunti al nostro Stato ideale. Secondo le intenzioni di gioco una Comunità più o meno estesa, omogenea per obbiettivo - la grandezza del proprio Paese. Idealmente, ogni piccola comunità dovrebbe unirsi ad altre, per divenire sempre più efficace, sino a giungere allo Stato di eRepublik (potremmo continuare sino ad una dimensione globale, ma sarebbe poco realistico per le strutture di gioco). Tuttavia, abbiamo rimarcato che esiste una dimensione di limite, oltre la quale nessuna comunità riesce ad inglobarne altre, e si formano dei gruppi politici, e militari, sostanzialmente con un unico obbiettivo definitivo ma in lotta per accaparrarsi più iscritti, questa o quella elezione. Dovrebbe rimanere un unico obiettivo ideale, tuttavia: la grandezza dello Stato.

Restringiamo la dimensione - giungiamo all'eItaly. Vediamo da cosa è composta la nostra comunità. Vediamo i tanti partiti, molti dei quali nati da pochi mesi, con programmi vaghi e mal definiti. Vediamo le tante MU, molte delle quali sono gruppi pressoché impenetrabili di giocatori rigidamente volti a conservare la propria autonomia militare, in modo da poterla esercitare come pressione politica.

Partiamo dai partiti. Se c'è una cosa che mi sorprende guardando l'attuale top 5, è il numero di partiti presenti di recente o recentissima fondazione. Sono 3, su 5. Il PCE regge, immutabile governante della politica eitaliana, ma anche gigante dai piedi d'argilla, smacchiatore forse leggermente fallito, il cui primato è stato insidiato da altre forze politiche. Oggi il PCE, a dispetto del numero di membri e della trionfale propaganda, appare profondamente in crisi. Crisi d'idee, crisi di valori, crisi di sistema, come testimoniano la chiusura delle Coop e il destino della BPJ, incerto come non mai. AetG vive nella medesima condizione, prigioniera d'una struttura di gestione forse troppo rigida, senza dubbio peculiare, ma in crisi. Basti vedere il fallimento, inutile negare la verità, della LDC, nella quale pure io personalmente ho creduto, e con me qualche altro. Questa profonda crisi di entrambi è dovuta all'essere stati fondati su altri sistemi di gioco, quando la politica aveva uno spessore secondo me maggiore, ma senza dubbio si basava su forme diverse.

Passiamo dunque ai tre partiti nuovi, LetR, LeI (che pur essendo meno nuovo è stato fondato su un sistema di gioco simile a quello attuale) e ReI. Il primo è un partito nuovissimo, fondato da giocatori direi poco noti alla comunità. Incarna secondo me il perfetto prototipo di partito di successo. Un nome attraente, un bel logo, ma una mancanza di programmi sconcertante, o una scontata banalità di questi. Io credo che fondare un Partito richieda qualche idea profonda. Altrimenti diventa solo desiderio di primeggiare.
LeI, un partito fondato su un ideale militare (come dice il suo nome: libertà per l'eItalia), perfetta incarnazione del modulo militare divenuto dominante, e purtuttavia del modulo politico che sopravvive, divenuto lotta tra gruppi chiusi per la gestione d'un sistema di potere.
ReI, un partito fondato non su un ideale militare, ma su una MU. Un abominio, volendoci pensare, ma in realtà è la perfetta continuazione d'un ideale di gioco volto a creare uno Stato nello Stato, una comunità non basata sullo Stato ma che dello Stato ricalchi le medesime caratteristiche di perfezione previste dal gioco. Ne riparleremo.

Su questi tre partiti, ma anche sugli altri due (mi sento forse per vanagloria personale e, credo, per conoscenza, di escludere AetG, che difatti è ultima nella top 5), grava l'accusa di fare fakes. Multiaccounts. Chiamateli come vi pare. Numeri, in poche parole. Forza numerica bruta volta a conquistare la top 5, a poter andare al Congresso, a poter giocare un ruolo più importante nella gestione dello Stato.

Fuori dalla top 5, rimane un partito di medio-grandi dimensioni e storico, che forse vive la medesima crisi di AetG e PCE, ma di questi ha meno numeri a causa del nome meno accattivante (parlo di LGeI) e tanti altri partiti, alcuni di nuova formazione (in potenza dei nuovi LetR), altri "grandi decaduti". Come IESO, che forse è un tentativo fallito di ReI. Un padre spirituale di questo partito. Creato dalle medesime figure, non aveva un supporto militare. Infine, la mancanza dell'obbligo diretto di gratitudine - voglio dire la mancanza d'equipaggiamenti - ha portato quasi ad un distaccarsi, ed al progressivo decadimento di IESO che oggi vede la top 5 molto da lontano, dopo essere stato il terzo partito dell'eItalia.

Vedete in questi partiti un ideale di grandezza dello Stato? Vedete in questi partiti un tentativo, uno sforzo ideale, di unirsi per giungere alla comunità, alla vera unità di ideali?
Io vedo una crisi, e altre forze che approfittano di questa crisi, ma non per dare un contributo allo Stato - per conquistare una poltrona di più.

In ogni caso, proprio da questa crisi delle forze "storiche" della politica nasce la politica d'oggi, incentrata sul personaggio, non sul suo partito e nemmeno sulle sue idee. Un giocatore tradizionalmente considerato affidabile da abbastanza persone ha più possiblità di vincere le elezioni di un giocatore che non lo è. Forse è un bene, non lo so. In ogni caso vedete che questo fatto accentua la considerazione precedente - un singolo senza particolari scrupoli può arrivare con una certa facilità alla carica massima, la Presidenza.
L'abilità del Partito sta nel controllare sufficientemente bene il Congresso, in modo da evitare scomodi impicci e scomodo flame, e permettere l'esercizio del potere senza intoppi. Si fondono dunque i due elementi, teoricamente all'interno del Partito medesimo, che dev'essere capace di proporre giocatori sufficientemente conosciuti ed affidabili, ma anche di avere abbastanza voti, numeri, da mandare in Congresso abbastanza persone da renderlo innocuo.

A questo s'aggiunge il burattinaio. Un Presidente può essere manipolato da un altro giocatore o da un gruppo di giocatori. Può essere un estensione del Partito, che ritorna così al centro della politica. Può essere caratterialmente debole, facile ad essere influenzato - nelle mani di altri giocatori che non si possono esporre direttamente per impopolarità, ma che nella pratica hanno il vero potere.

Per semplicità, inoltre, ho omesso il discorso delle varie correnti interne ai partiti, presenti una volta, ma oggi scomparse per carenza di idee e di numeri effettivi (un Partito ha una cricca di giocatori veramente attivi intorno alla ventina). Ci sono stati comunque, e forse ci sono tuttora casi di giocatori o fazioni di giocatori che controllano il potere all'interno dei Partiti, nella speranza di influenzare qualcosa di più grande.

Passiamo alle Unità Militari. Quante ce ne sono? Parecchie, ma solamente quattro o cinque risentono d'un importanza nazionale.
Partiamo da quelle private, per semplicità. Ad esse, come avrete già capito, credo si possa estendere il medesimo discorso fatto dai partiti.

Eccovi la BPJ, estensione militare d'un partito politico, sull'orlo del fallimento. Ironicamente, è il contrario di quanto avvenuto con T4L e ReI - quest'ultimo modello ha avuto decisamente più successo.

Già, T4L. La MU militare più efficiente, più grande, che offre migliori equipaggiamenti, che complessivamente sulle quattro divisioni dà il maggior contributo militare all'Italia.
Quella medesima MU che non s'è fatta problemi a negare l'appoggio a questo od a quel Governo, perché in contrario con le proprie politiche. Secondo me è il più grande tentativo della storia di questo ePaese da parte di un gruppo militare di esercitare un'effettiva influenza politica, sia negando il contributo militare richiesto, sia creando un partito portavoce delle proprie istanze. Lo smisurato numero di membri rispetto alle dimensioni dello Stato, il risentimento da parte del suo comandante nei confronti dello Stato Italiano per vicende oramai lontane hanno portato a questo - un tentativo di creare uno Stato nello Stato su cui poter esercitare il proprio potere ed infine ritornare al governo totale sullo Stato, eliminando de facto ogni altra forza d'opposizione, come forze avvenne tra Agosto 2011 e Gennaio 2012. Una brama di potere assoluto. Non fraintendetemi - non intendo dipingere Fanaxidiel come un tiranno assetato di potere pronto a qualunque azione pur di ottenerlo. Ma secondo me è innegabile il suo costante tentativo di giungere al vero potere, alla sua vera essenza. E' l'unico giocatore citato nell'articolo - per la troppo grande importanza che egli ha in questo Stato.

C'è Elite, che deve il suo nome alla sua storia e la sua forza a quei giocatori che si dedicano seriamente al modulo militare. Storicamente essa ha iniziato la tradizione dell'esercizio del potere politico da parte d'un gruppo militare. Parlo di Agosto 2011, quando per motivi pure da molti considerati legittimi il Corpo d'Elite abbandonò l'Italia. Esercitò una seria pressione sul Governo d'allora, che fu seriamente discreditato e che finì il mandato nell'ignominia.

Rimane Audax, un gruppetto militare che non esercita influenza politica poiché deriva da una struttura autenticamente militare, nata senza ambizioni politiche, senza la struttura medesima delle MU. Audax ha esponenti politicamente vicino a molti personaggi di spicco della Comunità, è stata associata a T4L oppure è rimasta totalmente indipendente. In ogni caso, la sua influenza, per quanto possa essere discreta, non compete con quella degli altri gruppi. Audax rimane un gruppetto indipendente, con ideali forse di vero sostegno alla nazione, non so, ma poco propenso ad estendersi autonomamente in politica semplicemente per le sue dimensioni. E' una piccola comunità che non si è fusa in una grande.

Potremmo estendere il medesimo discorso fatto per la politica alle unità militari - anche in queste il Comandante di facciata può avere un consigliere o un gruppo di consiglieri volti ad influenzare costantemente la sua azione in un senso piuttosto che in un altro. Sarebbe ridondante. Basti ricordare che politica e influenza militare sono strettamente collegate, come s'è visto. Un giocatore deve avere seguito anche tra i soldati, non solo tra i politici, se vuole avere successo.

Rimane EI. Il grande esercito statale, superato per efficienza da T4L e per eccellenza militare dall'Elite. Rimane un bel luogo dove esercitare il proprio potere, all'interno dei circoli d'ufficiali, sempre troppo numerosi (se tutto è come ricordo). V'è anche qui la tendenza a esercitare pressioni. S'è vista soprattutto in passato, ma anche in scelte recenti, come quelle sui fondi statali all'Esercito medesimo. Un altro luogo di ricerca del potere da esercitare sugli altri.

Nuovamente, dove vedete il bene dello Stato?

Passiamo al giornalismo. Questa è una forma peculiare, basata sul singolo e non sul gruppo. Una forma che io utilizzo, od ho utilizzato, molto spesso. Non ha ricadute politiche dirette, quanto piuttosto un effetto propagandistico. Fa conoscere il giocatore, fa conoscere la sua idea, influenza le idee all'interno dei Partiti, specie se il giocatore è all'interno d'un Partito e vuole influenzare questo in un senso piuttosto che in un altro. Possiamo vedere molti articoli di eRepublik come vere e proprie orazioni alla Demostene, estendendone in maniera eccessiva l'effetto, ma rendendo bene l'idea in fondo sottesa. La critica, la satira, ma anche l'opinione, sono tentativi di influenzare la realtà politico-militare.

Non a caso i giornalisti più noti, che tra l'altro sono spesso i medesimi alle cariche governative, intendo dire giocatori di prestigio (mi ci metto dentro senza problemi, forse con poca modestia) spesso scrivono articoli nei quali esprimono idee. Queste possono essere riprese, o ignorante, ma sono un tentativo di arrivare al potere.

Ci sarebbe molto altro da dire. Ma, già quest'articolo è lunghissimo, e non risparmia nessuno - so già che nei commenti si scatenerà il flame, e sinceramente poco me ne importa.

Eccoci, signori. Concludiamo. Cosa ho detto, riassumendo? Che ognuno, nel giocare ad eRepublik, cerca di usare potere a proprio vantaggio. E' così in Italia, è così negli altri Paesi.
Ma in Italia questo fenomeno assume dimensioni secondo me preoccupanti, sino a giungere al contrasto col modello ideale di cui parlavamo all'inizio, di bene della comunità.
Cosa c'è da fare? Vorrei tanto dire, come tanti hanno fatto "Uniamoci e combattiamo il nemico!". Ma sarebbe troppo facile, semplicistico. Questo fenomeno è radicato da troppo in questa Comunità, forse è un cancro che non può essere curato. Uso volutamente un termine forte, do un giudizio morale complessivo; ogni singolo può dire ciò che pensa e ritenersi escluso, ma questo è quello che io penso della Comunità nel suo insieme. Mi ci metto dentro, non vi preoccupate - sono uno come voi.

E dunque, a cosa ci dobbiamo appellare? Non esiste catarsi?
Forse una catarsi esiste, e consiste nel far trovare tutti quei personaggi ad un unico, e singolo tavolo. Nel farli chiarire, nel dipanare quella trama di odii reciproci che si mantiene tra concorrenti ad un medesimo posto. Non già risolverla, ma far capire che bisogna lavorare per un unico obbiettivo, quel vero bene comune.

E per questo bisogna giungere a rimedi anche estremi. Bisogna appellarsi non a questa od a quella carica. Bisogna appellarsi allo Stato, unico vero garante, immutabile per quel che riguarda eRepublik. Legare ogni MU ed ogni Partito ad esso con un giuramento di fedeltà. Potrà valere poco, ma io credo che la parola conti qualcosa, specie in un gioco dove non c'è nulla di serio di mezzo. Gli Italiani di RL non hanno grande senso dello Stato, e su questo credo tutti converremo - nel nostro piccolo, richiamiamoci allo Stato, e dimostriamoci suoi degni membri.
 

Comments

Gregory IV
Gregory IV Day 1,926, 13:40

Questo articolo è il sogno erotico di Vajura

Gregory IV
Gregory IV Day 1,926, 13:42

Leggendo l'articolo pare che il m5s e t4l siano la stessa cosa. E, a giudicare dalla sovrapponibilità degli acronimi e all'influenza del leader rispetto al resto membri, non fa che trovarmi d'accordo!

ziotony91
ziotony91 Day 1,926, 13:43

muori tu e il m5s.

Gregory IV
Gregory IV Day 1,926, 13:44

peppescrillex (cit.)

Gregory IV
Gregory IV Day 1,926, 13:43

Quoto in toto l'analisi politica, davvero accurata!

millyi Day 1,926, 14:10

Comment deleted

millyi
millyi Day 1,926, 14:11

Confesso non ho letto tutto ... troppo ...
ho letto solo la parte riguardante AudaX ... e l'unica cosa che voglio dire è che AudaX non avrà mai a che fare con la politica come MU, ciò non toglie ai nostri membri di avere una vita politica attiva come singoli player

Secuea
Secuea Day 1,926, 14:53

Una delle MU da apprezzare per questo. Una MU usata per combattere. Caso strano : P

KronosLostSoul
KronosLostSoul Day 1,926, 14:16

V+S

Secuea
Secuea Day 1,926, 14:59

Non già risolverla, ma far capire che bisogna lavorare per un unico obbiettivo, quel vero bene comune.

Si ma, prendiamo un esempio attuale:
Per alcuni il bene comune è portare i nuovi cittadini in EI, controllati dal CP. Per altri questo non è equo e sono convinti non sia il bene comune.

Non penso qualcuno cambi idea. E' un piccolo esempio di tante visioni diverse del gioco che non permettono di inquadrare un obbiettivo comune.

Io stesso oramai sono nel giro. Nel senso che continuo a sbattere su chi, a sua volta, continua a giocare in un certo modo. Loro continuano perché credono di essere nel giusto, tanto quanto lo credo io che immagino una divisione più rigida/naturale dei gruppi (sei una MU? fai la MU. sei un partito? idem.).

Stedee
Stedee Day 1,926, 15:13

Secuea, se volessimo andare a fondo, prescindendo dalle motivazioni dei singoli, che alla fine, diciamocelo, sono controllati da altri, riusciremmo a trovare un accordo su quel vero bene. E' un'idea filosofica, quasi.

Mister Y
Mister Y Day 1,926, 15:40

Ma che ti sei messo a scrivere?

Fanaxidiel
Fanaxidiel Day 1,926, 15:51

Quando uno non ama la verità non la può nè conoscere nè capire, quindi alla fine la tristezza di una ricostruzione parziale e faziosa non è nell'alterazione della verità stessa, ma nel suo livello che non può essere che basso e poco credibile. Ad esempio il parlare del governo di Agosto 2011 (che riscattò i gravi errori internazionali della gestione precedente) come governo dell'ignominia è ridicolo, in quanto fu confermato a larga maggioranza il mese successivo e mai impicciato.

Tra l'altro il dipingere me come uno che fa guerra allo stato quando in assoluto circa un terzo della inf di questo stato è pagata da me, e T4L non è mai stata assente dai campi di battaglia italiani. lascia il tempo che trova e copre di ridicolo chi tali fandonie scrive, non chi ne è oggetto.

Chiarisciti le idee, ritenta, prova a dire delle cose serie e farai una figura migliore.

Stedee
Stedee Day 1,927, 09:47

Agosto 2011 non fu un governo di successo, semplicemente perché spaccò la Community. Non mi interessa sapere di chi sia la colpa, non è questo il punto; semplicemente un Governo può non essere di successo quando succede un fatto del genere, ed esso ha comunque una qualche responsabilità.

Poi, tu non fai la guerra allo Stato. Non ho scritto questo, non alterare le mie parole. Tu semplicemente pensi d'avere il diritto a governare, nel bene o nel male. E cerchi di applicare quest'idea. Punto e stop. Sono miei giudizi sul tuo operato di gioco, e come ho scritto nella premessa sei più che libero di ritenere questo giudizio infondato. Ma le tue motivazioni non sono sufficienti razionalmente per dimostrare l'infondatezza del mio giudizio, semplicemente perché vuoi dimostrare un'altra cosa rispetto a quella da me scritta.

Fanaxidiel
Fanaxidiel Day 1,927, 12:24

"quando succede un fatto del genere, ed esso ha comunque una qualche responsabilità." qualunquismo, ovvero responsabilità attribuita per sentito dire.. "tu non fai la guerra allo Stato. Non ho scritto questo" in risposta a un "il risentimento da parte del suo comandante nei confronti dello Stato Italiano".
Devo continuare a dimostrare che ti smentisci da solo o posso ritenere sufficiente considerarti uno che spara la "sua" (molto da virgolettare) senza dimostrare niente e senza lucidità?
La seconda che ho detto...

Fanaxidiel
Fanaxidiel Day 1,927, 09:57

Anche appigliandoti ai più indimostrabili dogmi del relativismo temo che le tue uscite si commentino da sole. Faresti bene a trovare degli argomenti per criticare, perchè è un segno di grande incoerenza e debolezza usare le illazioni invece degli argomenti. Fa capire che lo scopo non è correggere, ma distruggere. E ti assicuro che a distruggere c'ha provato gente con più voglia e criterio...

Stedee
Stedee Day 1,927, 12:14

Non hai risposto minimamente al mio commento precedente. In questo modo la tua posizione logica è nettamente peggiorata. Semplicemente passando ad un altro piano, decisamente più basso (non dico quello delle offese, perché tali non le considero, ma quantomeno quello delle illazioni nei miei confronti), non si risolvono le questioni sopra esposte. E se a queste non sai, o non vuoi, dare risposta, semplicemente mi dai ragione.

Non so se ti è chiaro che vi è una differenza nel desiderare il controllo su qualcosa e desiderarlo distrutto. Se sì, vedi bene che concordi con quanto scrivevo prima. Se no, allora credo sia necessaria una revisione logica di molti concetti da parte tua.

E, di grazia, quali sarebbero gli "indomostrabili dogmi del relativismo", filosofia che per il resto trovo molto lontana dalle mie posizioni, da me usati?

Stedee
Stedee Day 1,927, 12:50

Credevo si potesse rispondere ai commenti. Invece mi tocca rispondere al post, ma è lo stesso.

In primis, partiamo dalla tua prima frase: " qualunquismo, ovvero responsabilità attribuita per sentito dire.. " Sentito dire? Ricordati che io c'ero ed eccome se ricordo quello che è successo. Non è responsabilità per sentito dire. Elite non si è svegliata la mattina ed ha deciso d'andarsene per una strana ragione sfuggita allle nostre menti. Non doveva andarsene? Doveva obbedire? Non lo so. Ma posso dirti che m'è sembrato di vedere assai poca collaborazione da parte del Governo d'allora nel trattenerla in patria.

Poi, "il risentimento da parte del suo comandante nei confronti dello Stato Italiano" è una citazione parziale. Ritengo il tuo risentimento una causa delle tue azioni, ovvero quelle che secondo me sono tentativi di creare uno Stato nello Stato, per giungere infine al ritorno al potere. Dunque, debbo ritenere tu non sappia leggere? Non vedo in che altro modo potrei giustificare la tua ultima affermazione.

Per completezza, visto che mi rimangono caratteri, ti riporto l'intero periodo che tu citi parzialmente:

"Lo smisurato numero di membri rispetto alle dimensioni dello Stato, il risentimento da parte del suo comandante nei confronti dello Stato Italiano per vicende oramai lontane hanno portato a questo - un tentativo di creare uno Stato nello Stato su cui poter esercitare il proprio potere ed infine ritornare al governo totale sullo Stato, eliminando de facto ogni altra forza d'opposizione, come forze avvenne tra Agosto 2011 e Gennaio 2012. Una brama di potere assoluto." Come vedi, non ho scritto che fai la guerra allo Stato. Nè lo intendo. Oppure ti sfugge la differenza tra "fare guerra" e "prendere potere"?

ABBODAVI
ABBODAVI Day 1,938, 17:11

Chi era il CP ad agosto 2011?

Stedee
Stedee Day 1,939, 05:00

@NABBODAVI RiccardoQuarta.

Dora85
Dora85 Day 1,927, 00:36

Bell'articolo Steede molto lungo ma preciso e azzeccato, ma secondo me il finale, la possibile "conclusione" io la vedo diversa, è da quando gioco che leggo di gente che si deve unire, sotterrare l'ascia di guerra (casualmente scrivo dopo fana che inventa di nuovo storie vabbè quando poi in chat minaccia anche di ban gente che cerca gente per una rw statale...)

non si può più parlare e accomodare tutti, non lo si è mai potuto fare probabilmente, bisogna rompere, spaccare, distruggere per poi ricostruire e se così facendo si perderà tanto in quel momento, si guadagnerà molto in futuro, ci vuole rottura. Bisogna allontanare ed escludere chi si pensa (e ci mancherebbe che poi non si possa sbagliare) i mali e rinnovare e sistemare i punti principali. Ricominciare da un vero eStato-eCommunity (ed Esercito) che anche se perderà molti pezzi sia più vero e unito tagliando cacciando esiliando tutti e chiunque sia contro anche a costo di sparire dalla mappa e iniziare una nuova strada.

Secuea
Secuea Day 1,927, 03:49

Dora quando passi da noi? : P

Dora85
Dora85 Day 1,927, 04:21

mai ma se proponete queste cose avrete sempre il mio votoXD

Fanaxidiel
Fanaxidiel Day 1,927, 10:01

Dora sei sempre stato un rage quitter e un rage thinker, adesso mi diventi anche il re dell'anacoluto. ahiahiahi xD

Kevlar22
Kevlar22 Day 1,928, 05:25

Anacoluto. Claudio Coccoluto.

Innocenti
Innocenti Day 1,927, 01:37

Un ottima analisi veramente : )

Solo qualche appunto su ReI, anche se c'è poco da correggere...
Eravamo un partito fondato su una MU, poi sly ha levato le tende...e ora siamo qualcosa di diverso, anzi probabilmente siamo ancora in fase di definizione...

E per quanto riguarda i fakes, le elezioni congressuali e le statistiche del mio articolo, dimostrano proprio che ReI è l'unico partito della top5, insieme ad AetG, che non crea fakes per i voti e che ha un alta partecipazione...inoltre sono stato abbastanza nel Pce per ritenere che, nonostante la bassa partecipazione che li ha sempre caratterizzati, loro non creano fakes...diverso il discorso degli altri...sopratutto di Lux et Ratio...

Tomas Franceschin
Tomas Franceschin Day 1,927, 01:54

"ufficiali, sempre troppo numerosi (se tutto è come ricordo)" ora siamo passati all'altro estremo, siamo in carestia
/me recluta spudoratamente ufficiali nei commenti degli articoli altrui u.u

Dante D
Dante D Day 1,927, 06:38

Davvero lungo, condivido molte delle tue idee ma credo che l'unione in questa community sia solo un'utopia.

Narcissus16
Narcissus16 Day 1,927, 07:01

ottimo articolo di analisi votato : )

aliquem
aliquem Day 1,927, 08:32

mi metti paura al pensiero di ritornare in e-italy asd

Vajura
Vajura Day 1,927, 12:01

Sono riuscito a leggerlo. Meravigliosa come analisi

Nicola-A1
Nicola-A1 Day 1,927, 13:01

riassunto? :*

Gregory IV
Gregory IV Day 1,928, 10:15

Vajura tu non potevi non riuscire a leggere, tu vivi di pane wot e fantasia.

The Italian Dark Knight
The Italian Dark Knight Day 1,927, 12:57

Troppo lungo, sta volta passo.

Stedee
Stedee Day 1,927, 13:09

Meravigliosi tutti i commenti che chiedono i riassunti, sia qui che in chat X D

Damon Mortis
Damon Mortis Day 1,927, 13:27

Il PCE non è in crisi: nel PCE c'è noia.
AetG non è in crisi: AetG è morto.

Castell militarista
Castell militarista Day 1,928, 03:28

AetG non è morta anzi è rinata e sentiamo la tua mancanza Lord :'(

eUruguayo2
eUruguayo2 Day 1,928, 13:26

V!

anakin987
anakin987 Day 1,932, 00:31

Accusi, Stedee, alcuni partiti nuovi di non avere un programma, ma perchè gli altri, invece, lo hanno?!

Stedee
Stedee Day 1,937, 16:45

Debbo linkarti il manifesto del PCE? Debbo linkarti l'ultima edizione del programma d'AetG, che ho scritto personalmente? O il nostro Statuto?

anakin987
anakin987 Day 1,938, 01:18

Se ti va, linka.

Stedee
Stedee Day 1,938, 15:47

Perdonami, ma se vuoi programmi di governo, puoi andare a vedere quelli di Icona, Castell ed altri. Io credevo ti riferissi a programmi di Partito, non a programmi di Presidenza. Che, su eRep, sono cose ben diverse.

Stedee
Stedee Day 1,938, 09:54

http://aeg.forumfree.it/?t=46592423 Questo è lo Statuto di AetG. http://www.erepublik.com/en/article/-aetg-cosa-vogliamo--2156253/1/20 Un programma nostro, che peraltro tu hai commentato. Sul PCE non saprei, credo sarebbero più adatti allo scopo membri di quel partito : )

anakin987
anakin987 Day 1,938, 10:17

Se i link che mi hai mandato sono considerati, da te, i programmi del tuo partito allora ho dato al termine "programma", presente nel tuo articolo, un significato diverso da quello che tu, allora, intedevi ed intendi.
Per "programmi", intedevo piani articolati per il raggiungimento concreto di obiettivi e non la mera elencazione di principi fondamentali, di norme che disciplinano un partito e di fini forse utopici.

Stedee
Stedee Day 1,939, 05:02

Anakin, un conto è il Programma di Partito, che deve rispecchiare il nostro Ideale. Un conto è un programma di un candidato Presidente, che deve tradurre, a seconda della contingenza, in fatti quel Programma di Partito.

VanBaz
VanBaz Day 1,937, 00:56

votato

ABBODAVI
ABBODAVI Day 1,938, 17:16

Grande articolo!
Standing ovation!

 
Post your comment

What is this?

You are reading an article written by a citizen of eRepublik, an immersive multiplayer strategy game based on real life countries. Create your own character and help your country achieve its glory while establishing yourself as a war hero, renowned publisher or finance guru.